Lutech Group & IDC – Building Continuous Innovation

IDC ha recentemente rilasciato un dato sull’impatto delle infrastrutture IT sulle iniziative digitali aziendali. Secondo IDC, a proposito di Digital Transformation, un’azienda su tre è frenata da un’infrastruttura IT inadeguata. Molte organizzazioni ammettono inefficienze a livello infrastrutturale e applicativo che impediscono alle iniziative di digital evolution di progredire.

Per questo motivo Google Cloud, Lutech, Sinergy (Lutech Group) e Cisco, in collaborazione con IDC, hanno organizzato due nuovi eventi a Milano il 20 novembre e a Roma il 4 dicembre, dal titolo Building an Architecture for Continuous Innovation.

Clicca qui per maggiori informazioni e l’agenda dell’evento.

Con l’accelerazione digitale, gli orizzonti e le regole di funzionamento dei processi socioeconomici globali vengono stravolti a ritmi incessanti. Anche per le aziende italiane, di fronte al rischio di una continuous emergency si delinea una sola strada possibile: la continuous innovation.

È quindi necessario rafforzare il cambio di passo già in corso in tutti i settori – ormai trasversalmente esposti all’onda d’urto e alla velocità del cambiamento – per disegnare e mettere in opera infrastrutture e architetture di nuova generazione capaci di abilitare i prossimi traguardi.

Le analisi globali di IDC confermano che già entro la fine del 2019 il 60% dei CIO e IT Manager avrà completato un processo di “re-platforming“ dei propri ambienti facendo leva su ingredienti quali Cloud, DevOps e Mobile, di fatto trasformando le logiche che – dall’infrastruttura fino alle applicazioni – consentono alle aziende di operare nei nuovi contesti di mercato. E ancora, con l’estensione dei confini delle risorse aziendali, operare in logica multicloud sarà la norma: entro il 2020, il 90% delle organizzazioni mondiali ne risulterà contaminato, e il 40% avrà creato metodi e soluzioni per operare efficacemente in questi ambienti.

L’evoluzione delle tecnologie iperconvergenti ha già aperto la strada alla valorizzazione di risorse computazionali, di storage e di rete in ambienti unificati, accelerando i processi aziendali, abbattendo il TCO e facilitando i metodi di gestione. L’integrazione crescente di queste soluzioni con piattaforme cloud lungo un continuum supera le tradizionali componenti (on-premise, public cloud ecc.) e offre alle aziende maggiore capacità di affrontare le sfide della trasformazione digitale.

Ma c’è di più. A tratteggiare un altro carattere distintivo di questa convergenza è la sinergia con le tecnologie di containerization. Secondo IDC, già entro la fine di quest’anno la pervasività di logiche container-first avrà raggiunto il 70% delle imprese in Europa. I container – introdotti come strumento per rendere più efficienti i processi di sviluppo e modernizzazione applicativa orchestrando un ampio stack di risorse hardware e software – stanno rivoluzionando il modo di concepire e accelerare lo sviluppo e il lancio di nuove iniziative di business.

Le due roundtable organizzate a Milano e Roma da Google Cloud, Lutech e Cisco in collaborazione con IDC, saranno l’occasione per manager aziendali e protagonisti dell’innovazione tecnologica per confrontarsi ed esplorare le più recenti evoluzioni e convergenze che aprono nuovi scenari di interoperabilità tra le piattaforme IT.

Nel corso dei due incontri, saranno affrontati temi quali:

  • come accompagnare questi programmi con una fase di valutazioni delle reali esigenze del cliente e del relativo contesto con metodologie, servizi e soluzioni che tengano al centro le esigenze di business e del servizio.
  • operare in ambienti iperconvergenti e multicloud: come abilitare interoperabilità tra risorse interne ed esterne accelerando le strategie di workload optimization;
  • come supportare gli obiettivi di agilità delle infrastrutture, degli ambienti e dei processi di sviluppo che sono al centro dell’agenda di CIO e IT Manager;
  • come si trasformano i metodi e gli strumenti di sviluppo di nuove applicazioni e di application modernization, dai container alle logiche microservices;
  • come cambia la progettualità, come si trasformano le esigenze IT dal disegno all’implementazione nel quadro dell’evoluzione dei rapporti con i partner tecnologici.