Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione e raccogliere statistiche. Per conoscere in dettaglio la nostra policy sui cookie consulta l'informativa completa.
Continuando a navigare o cliccando X, acconsenti all'uso dei cookie.

IT EN
@1xBG BIG COVER Ideas_08 Cloud Migration Transformation
ideas

Il percorso per una Cloud transformation efficace

Per compiere un percorso vincente verso il cloud scegli con cura il partner adeguato

Share:

+ 26%

La crescita del mercato del cloud computing a livello globale

Gartner

Secondo i dati di Gartner, il mercato del cloud computing a livello globale è cresciuto del 26% dal 2017 al 2018. In Italia, dove il fenomeno viene monitorato dall’Osservatorio Cloud Transformation del Politecnico di Milano , si segue abbastanza il trend mondiale con una crescita rispetto allo stesso periodo del 19%. Nel 2019 è facilmente prevedibile che il mercato italiano del Cloud Computing, che comprende Cloud Services e Cloud Solutions, superi quota 2,5 miliardi.

In particolare, l’82% delle imprese medio-grandi utilizza almeno un servizio di Public Cloud ( un valore molto ottimistico che considera servizi di Public Cloud anche Gmail) Specificando meglio: solo nel 23% dei casi i servizi si usano in maniera estesa su processi mission-critical. Dati che fanno dichiarare ai responsabili dell’Osservatorio: “il cloud ha raggiunto l’età della ragione”.

Finalmente, grazie anche alla spinta delle multinazionali presenti nel nostro Paese, l’imprenditoria italiana sta iniziando a comprendere i valori di un paradigma rivoluzionario e quanto il nuovo approccio tecnologico possa impattare sul business.

Lutech Cloud Transformation solutions

Roadmap e ambienti per la transizione al Cloud, con il supporto dei  migliori Partner e Cloud Service Provider

Scopri di più

L’impatto del modello as-a-service

L’introduzione del Cloud Computing, infatti, ha provocato una cascata di nuovi view tecnologiche, come l’Intelligenza Artificiale, che stanno contribuendo a erodere anche le resistenze più forti.

Ma ciò è stato possibile grazie, in particolare, a un nuovo modello di business che incide direttamente su uno degli storici mal di testa dei CEO italiani: il contenimento dei costi IT

L’introduzione del modello as-a-service - la tecnologia è un servizio per cui pago solo ciò che uso - ha contribuito notevolmente a rivedere le classiche resistenze alla tecnologia, insieme a una sempre più corposa quantità di casi di successo internazionali che hanno definitivamente acceso la lampadina, o l’allarme: se non ti adegui rischi di perire.

Dopo un momento iniziale necessario a “prendere le misure” tra le due declinazioni principali (cloud pubblico o privato?) si è riusciti a neutralizzare le resistenze di chi già immaginava il fallimento di un modello troppo rigido e proporre una direzione precisa, il cloud ibrido, che oggi accontenta tutte le esigenze aziendali.

Le questioni legate alla sicurezza dei dati, e alla privacy, poi, hanno rappresentato ulteriori bandiere per i detrattori, ma anche queste sono state ammainate di fronte alle evidenti smentite dei fatti.

Oggi, dunque, il cloud computing e l’approccio as-a-service dimostrano una maturità tale da non rappresentare più un’alternativa ma l’unica strada percorribile per la Digital Transformation delle aziende di ogni entità.

Volendo, poi, specificare rispetto ai mercati verticali, i dati dell’Osservatorio ci confermano la capacità di innovare del Bancario e del Telco&Media, ma ci stupiscono con una sensibilità che non ti aspetti da parte del Manifatturiero (25% del mercato Public&Hybrid Cloud) e ci confermano la necessità di lavorare meglio nei comparti Retail, GDO e Assicurativo.

Applicazioni, rete e sicurezza, i pillar di un approccio cloud

Network performance

È evidente che il corretto funzionamento di un’infrastruttura cloud dipende dal funzionamento della rete

Le buone notizie non devono minimizzare la questione: scegliere di trasferire a un cloud ibrido, per esempio, la propria infrastruttura IT non è semplice e richiede, anche alle aziende più grandi e strutturate con un team esteso dedicato all’IT, il coinvolgimento di uno o più partner tecnologici che prendano per mano l’azienda e la traghettino con successo verso la nuova frontiera.

Secondo Forbes ci sono tre componenti fondamentali nel cloud transformation journey: le applicazioni, la rete e la sicurezza.

Cosa manca? L’hardware. Il “ferro”, per la prima volta in un secolo di informatica, non è menzionato, semplicemente perché è indispensabile ma concepito come una commodity, è intrinseco al cloud. Il costo dell’hardware è basso, il costo delle appliance di rete è basso, il costo dello storage è basso come non mai e scenderà ancora. In una infrastruttura cloud c’è una certezza: si avrà sempre a disposizione l’hardware più prestante e lo storage più capiente a disposizione.

Componenti determinanti di un’infrastruttura cloud, dunque, sono le applicazioni, la rete e la sicurezza, che non è stata certo messa da parte, anzi, proprio per la delicatezza dell’infrastruttura, richiede una revisione dell’approccio.

È evidente che il corretto funzionamento di un’infrastruttura cloud dipende dal funzionamento della rete. I servizi cloud non avrebbero senso senza una rete performante e accessibile da ovunque. In ogni contratto di servizio cloud è determinante considerare le caratteristiche e gli SLA per una rete efficiente, veloce, sicura. E se ciò non è garantito, è plausibile l’introduzione di apparati di rete validi, soprattutto nello scenario ibrido in cui una parte dell’infrastruttura risiede su un cloud privato o on premise presso l’azienda cliente.

Come detto, la sicurezza è elemento imprescindibile al corretto funzionamento di un’infrastruttura cloud. Una sicurezza definita attraverso una visione completamente nuova che deve tener conto del fatto che le informazioni aziendali, e quindi critiche, viaggiano su reti diverse ed eterogenee e, a volte, su cui nessuno vuole garantire. Il nuovo approccio alla sicurezza prevede strumenti di monitoraggio che vigilino oltre il singolo perimetro aziendale e spostino il focus dall’utente al punto d’accesso alla rete aziendale.

La sicurezza nel cloud non è messa in discussione, almeno non dovrebbe se si scelgono Cloud Service Provider affidabili e riconosciuti, ma critica è la sicurezza di device che sono, allo stesso tempo, privati e aziendali. E, poiché risulta complicato e impegnativo trasferire alle risorse umane una corretta cultura di sicurezza, ed è ancora più complesso gestire la sicurezza dei dispositivi IoT periferici, è meglio concentrarsi sulle anomalie di comportamento dei dispositivi stessi. È questo il nuovo approccio alla sicurezza comportamentale.

Infine, le applicazioni. Il vero cuore pulsante di una struttura cloud, che determina univocamente l’efficienza dell’infrastruttura It aziendale. È in questo ambito che l’apporto del fornitore It diventa fondamentale. Le applicazioni gestiscono i dati vitali per l’azienda e devono garantire affidabilità massima, scalabilità e disponibilità. Inoltre, alla scelta delle soluzioni applicative best-of-breed, intrinsecamente disponibili su un cloud di livello, è necessario accostare la necessaria attività di integrazione e connessione via Api con l’architettura già presente in azienda e di cui si vuole garantire la tutela dell’investimento, soprattutto nel caso di scelte ibride.

I vantaggi dell’approccio cloud

  • Costi. Il passaggio a una modalità as-a-service annulla i costi di licenza, di manutenzione e di aggiorna mento hardware.
  • Scalabilità. Il cloud è un’infrastruttura naturalmente scalabile e configurabile sulle esigenze aziendali del momento.
  • Produttività. La possibilità di accedere ai servizi da ovunque e in ogni momento influisce positivamente sulla produttività aziendale.
  • Tecnologie best-of-breed. Sul cloud sono presenti tecnologie sempre aggiornate, sicure e sempre più performanti di quelle disponibili in azienda.

Una transizione delicata e da programmare con precisione

Business Continuity

L’approccio di Lutech per la Cloud Migration & Transformation ha l’obiettivo di minimizzare i rallentamenti e le  interruzioni del Business, grazie a un percorso fatto di Assessment, Pianificazione progettuale puntuale e monitoring continuo

Come detto, difficilmente un’azienda può gestire da sola la transizione verso il cloud. È necessario affidarsi a un partner esperto, in grado di fornire referenze certe e che si impegni in un articolato progetto di cloud transformation, ovvero del trasferimento dell’intera infrastruttura. Lutech, che si pone come partner di eccellenza per il porting dell’infrastruttura su cloud, pone particolare attenzione alla fase preliminare, formulando un necessario assessment iniziale finalizzato a tre obiettivi primari:

  • Definizione dello stato dell’arte dell’It aziendale
  • Individuazione degli asset tecnologici trasferibili secondo una sequenza prioritaria dettata dal business
  • Condivisione di una visione culturale del cambiamento comune a tutti i reparti aziendali.

La scelta delle soluzioni applicative, dei processi prioritari da trasferire, della configurazione del cloud, della rete e della sicurezza sono successivi a questo approccio fondamentale.

Conclusa la fase di assessment, si definisce un progetto dettagliato di intervento che, è bene ricordarlo, deve coinvolgere la maggior parte delle risorse aziendali secondo un approccio, se vogliamo, learn-by-doing e scandito da specifiche priorità di intervento su infrastrutture, software e comparti. È impensabile immaginare una trasformazione istantanea in una notte, è molto più corretto percorrere un cammino insieme composto da precisi step successivi di confronto sulle criticità che, inevitabilmente, si presenteranno.

Lutech ha le competenze, l’esperienza e le referenze per porsi come partner di eccellenza nella transizione dell’infrastruttura It verso il cloud. Grazie alle partnership di alto livello strette con i vendor e i cloud provider più affidabili e completi sul mercato internazionale, Lutech accompagna le aziende nella cloud transformation secondo le best practices più corrette e adeguate. È, inoltre, in grado di fornire il necessario supporto formativo all’evoluzione culturale delle risorse aziendali e il competente apporto al necessario processo di integrazione.

Cloud Migration with Lutech

  • Vendor e Cloud provider d’eccellenza
  • Best practices
  • Competenze e approccio end-to-end
Contatta Lutech

Ti invitiamo a prendere visione dell' informativa marketing.

Inserire un valore
Inserire un valore
Inserire un'email valida
Inserire un numero di telefono valido
Inserire un valore
Inserire un valore
Inserire un valore

Cliccando sul pulsante “Conferma” dichiaro di aver letto e compreso l'informativa marketing

Acconsento a ricevere comunicazioni commerciali e promozionali relative a servizi e prodotti nonché messaggi informativi relativi alle attività di marketing, così come esplicitato nella suddetta Informativa

Per favore, seleziona la casella.

Si è verificato un errore, si prega di riprovare più tardi

Grazie per il tuo interesse


Abbiamo ricevuto la tua richiesta di contatto, ti contatteremo a breve per approfondire le tue esigenze di business.
 

ideas

Vision & Trends sulla Digital Transformation